Renzi saluta e se ne va. L’ex premier domani annuncerà l’addio al Partito Democratico. In vista c’è una nuova formazione politica che potrebbe chiamarsi “Italia del sì”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ex premier Matteo Renzi saluta e se ne va. Domani il senatore di Pontassieve annuncerà l’addio al Partito Democratico, forse in un’intervista su un quotidiano e poi nel salotto di Bruno Vespa, nel corso della puntata di Porta a Porta che andrà in onda martedì alle 23.25. A monte della decisione ci sarebbero “motivi politici e personali”, come ha spiegato Ettore Rosato.

All’addio potrebbe seguire la nascita  del suo nuovo movimento. Un’entità politica che secondo alcuni potrebbe chiamarsi “Italia del sì” e che dovrebbe affiancare i comitati civici di “Ritorno al futuro”. Un movimento che avrà un gruppo autonomo alla Camera, una componente nel misto al Senato e che a Palazzo Chigi potrebbe contare su due ministri (Bellanova e Bonetti) e altrettanti sottosegretari (Ascani e Scalfarotto).

I renziani assicurano che la nuova formazione dell’ex rottamatore non sarà un pericolo per il Governo, anzi “paradossalmente – ha garantito nei giorni scorsi lo stesso Renzi dalle colonne del Times – ne amplierebbe il sostegno”. Di certo si sa che ad agosto i comitati dell’ex premier hanno ricevuto un boom di donazioni, dai 20mila euro di giugno ai 260mila di luglio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA