Rita Dalla Chiesa in Campidoglio, era Scherzi a Parte. Centrodestra sempre più inesistente. E Renzi dorme sonni tranquilli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le primarie del Centrosinistra saranno pure taroccate, ma nel Centrodestra si rasenta la follia di Scherzi a parte. Per fortuna, alla fine la Dalla Chiesa ha capito che non c’era alcuna possibilità che fosse lei la candidata del Centrodestra (dopo averci però davvero creduto) e ha ritirato il suo nome dai  giochi per il Campidoglio. La strategia, sbilenca, era stata messa in campo – come raccontato ieri dal nostro giornale – da Giorgia Meloni per non appoggiare Alfio Marchini e il partito dei costruttori. Ma il punto è uno: con questa tragicomica opposizione, Matteo Renzi può dormire sonni tranquilli. E campare indisturbato cent’anni. Unica incertezza i Cinque Stelle, che avanzano nell’inesistenza del Centrodestra e delle sue candidature a Roma e Milano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA