Ruby-ter, quelle cene galanti ad Arcore sono un incubo infinito per Berlusconi. Rinviato a giudizio a Roma e rischia il processo anche a Torino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora guai in vista per Silvio Berlusconi, rinviato a giudizio perché avrebbe pagato Mariano Apicella per non raccontare nulla ai pm che indagavano sul caso Ruby. Nuovo processo quindi per corruzione. Insieme al Cav rinviato a giudizio anche Apicella, accusato di corruzione e falsa testimonianza. Il processo inizierà il prossimo 23 novembre.

Semper oggi la Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per il Cavaliere accusato di corruzione in atti giudiziari nell’ambito del processo Ruby-ter. La decisione del gup dovrebbe arrivare nella prossima udienza fissata per il prossimo 1 giugno. Nel mirino degli investigatori sono finite le donazioni effettuate da Berlusconi a favore dell’ex infermiera di Nichelino Roberta Bonasia. Lo scorso mese di aprile la pm Laura Longo aveva modificato il capo d’accusa e per questo motivo l’udienza era stata aggiornata ad oggi. Non fa parte delle contestazioni a Berlusconi la concessione in comodato gratuito a Bonasia di un immobile in Torre Velasca. Le donazioni di denaro contestate a Berlusconi, secondo l’accuse, erano finalizzate a modificare le sue testimonianze nei processi di Milano. Dichiarazioni non veritiere relative alle cene ad Arcore, secondo l’accusa, quelle fatte dalla Bonasia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA