Ruspe in azione ad Ostia. La sindaca Raggi: “I cittadini potranno tornare a vedere il mare e a scendere in spiaggia”. A gennaio altri abbattimenti lungo il litorale romano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ruspe in azione per la prima volta, questa mattina, ad Ostia. Come annunciato ieri dalla sindaca di RomaVirginia Raggi, è stato demolito il primo stabilimento balneare abusivo che il Campidoglio ha deciso di abbattere lungo il litorale romano.

“Abbiamo già avviato l’attività per l’abbattimento dei chioschi abusivi – ha detto la Raggi mentre erano in corso le operazioni – e oggi arriva a conclusione l’iter iniziato due anni e mezzo fa. E’ un momento storico, iniziamo l’abbattimento del ‘lungomuro’. I cittadini potranno tornare a vedere il mare, a scendere in spiaggia riappropriandosi di uno spazio che era loro e che gli è stato sottratto per decenni”.

Lo stabilimento abbattuto oggi è il Med, storico circolo velico che era stato sequestrato diversi anni fa nella zona del litorale di Ostia dove si addentra il canale dei pescatori. “I prossimi abbattimenti – ha spiegato la presidente del Municipio Giuliana Di Pillo – riguarderanno gli ultimi tre chioschi, che l’altro anno non abbiamo fatto in tempo ad abbattere. Parlo del Faber, dell’Happy Surf e di ciò che rimane della Spiaggetta. Abbiamo analizzato tutte le concessioni e all’interno delle diverse concessioni abbiamo trovato situazioni diverse. Là dove ci sono abusi e morosità saranno avviate le procedure di decadenza”.

“A gennaio – ha aggiunto la sindaca Raggi – si procederà con i prossimi abbattimenti. Su Ostia ci sono 71 concessioni, per alcune di queste sono già stati avviati i procedimenti di decadenza. Sicuramente il Municipio ha fatto molto, ha esaminato tutte le situazioni e via via che si arriva a conclusione dell’iter si procederà con gli abbattimenti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA