Saluti romani a Predappio. E’ bufera sul servizio della Tgr Emilia-Romagna. L’Ad della Rai Salini chiede chiarimenti alla direzione. Anzaldi: “Non è informazione, è apologia del fascismo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Ad della Rai, Fabrizio Salini, ha espresso “profonda irritazione” e ha avviato una verifica interna chiedendo chiarimenti sulla vicenda del servizio, dedicato alla commemorazione per l’anniversario della morte di Benito Mussolini, tenutasi a Predappio e trasmesso ieri dalla Rai nell’edizione serale della Tgr dell’Emilia-Romagna. Salini, dopo aver visionato il servizio andato in onda, ha chiesto una relazione al direttore della Tgr, Alessandro Casarin, su tempi, modalità e contenuti del servizio.

Già questa mattina Casarin si era dissociato dall’operato della Tgr dell’Emilia-Romagna. “La Direzione della Tgr – ha dichiarato lo stesso direttore – si dissocia dal servizio relativo alla commemorazione di Benito Mussolini a Predappio e ne prende le distanze. I suoi contenuti non corrispondono alla linea editoriale che, come ho illustrato alle 24 redazioni della Tgr, si basa sul principio di una informazione equilibrata, a garanzia di un contradditorio in tutti i servizi, dalla politica alla cronaca. Equilibrio che deve rispettare la storia della democrazia italiana. D’intesa con l’Azienda saranno effettuate le valutazioni del caso”.

Anche il comitato di redazione della Tgr Emilia-Romagna si è dissociato dai contenuti del servizio. “La Rai servizio pubblico – scrive il cdr in una nota – trova il suo fondamento nel Contratto di servizio, che è strettamente ancorato alla Costituzione italiana, antifascista e antirazzista. Pertanto non è ammissibile qualunque servizio che esca da questa cornice o – peggio – una assurda presunta par condicio tra neofascismo e antifascismo”. Il cdr ha precisato, inoltre, che “la messa in onda dei servizi è stata decisa dal caporedattore”.

“Alla Tgr Emilia Romagna – scrive su Facebook il deputato del Pd Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza Rai – è andato in onda un servizio che nulla ha a che vedere con l’informazione e molto con quella che è apparsa come una vera e propria apologia del fascismo. Due minuti di interviste e immagini, con tanto di saluti romani, sulla manifestazione fascista di Predappio per l’anniversario della morte di Mussolini. L’amministratore delegato Salini spieghi se questa è la nuova informazione Rai”.

“Chi ha deciso di mettere in onda quel servizio? – aggiunge ancora il dem Anzaldi -. Chi non ha controllato? Il direttore Casarin sia chiamato a risponderne. L’apologia del fascismo, nell’ordinamento giuridico italiano, è un reato previsto dall’art. 4 della legge Scelba attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione. Sarà interessante, anzi doveroso, sapere se in questi due minuti di servizio del Tgr si ravvisi il reato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA