Salvini contro tutti. Il Capitano all’attacco dell’esecutivo M5S-Dem: “Sarà un governo Pd-Pd. Di Maio vittima di Conte. In qualunque paese normale sarebbe stata già fissata la data delle elezioni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Conte ha già scaricato i 5Stelle e ha abbracciato con entusiasmo il suo Pd. Che tristezza, da avvocato del popolo a avvocato della casta. Non potranno scappare dal voto all’infinito, noi lavoriamo e ci prepariamo a vincere”. E’ quanto è tornato a dire, tra ieri e questa mattina, il leader della Lega Matteo Salvini a proposito del nuovo esecutivo che sta per nascere. “Sarebbe un governo Pd-Pd, non Pd-M5S. Allora diteci – ha aggiunto il Capitano – che qua le elezioni non servono perche’ vince sempre il Pd. Sarebbe un governo truffa, un governo chiuso nel palazzo e che non rappresenta il popolo. Non rappresenta neppure i suoi elettori, molti nel Pd e nel M5S non lo vogliono”.

“Di Maio lo vedo vittima di Conte” ha aggiunto Salvini. “Stanno facendo un monocolore Pd – ha detto ancora -, l’esatto contrario di quello che hanno detto le ultime elezioni. Chi di dovere ne tenga conto. Cosa non si fa per la poltrona, che pena… Mi dispiace per gli elettori 5 Stelle che avevano creduto sinceramente in un grande cambiamento e si sono ritrovati con l’avvocato del Pd! Almeno ora molti apriranno gli occhi, sono convinto che i giochini di palazzo, da tempo progettati ed oggi evidenti a tutti, verranno severamente puniti dagli elettori. Primo appuntamento: elezioni regionali il 27 ottobre in Umbria. Noi siamo pronti!”.

“Sono uscite cose interessanti dal voto in Germania. La Merkel – ha detto ieri il leader della Lega commentando il voto in Germania – perde a casa sua e prova a imporre il suo governo in Italia. Non è il governo Conte, il governo Merkel. La Merkel prende una sonora batosta alle elezioni regionali di casa sua ma prova a imporre il suo governo in Italia! Non e’ il Conte-bis ma il Merkel-Macron 1”

“Rifarei tutto quello che ho fatto -ha aggiunto il Capitano -, nel governo Conte abbiamo fatto tante cose buone, almeno nel primo anno, poi negli ultimi 2-3 mesi si litigava troppo. Le porte della Lega sono e saranno sempre più aperte. Rispetto la coerenza e la dignità di quegli elettori ed eletti dei 5 Stelle che sono entrati in politica per contrastare il Pd e Renzi e poi vengono mandati al governo con loro”.

“Il regista del tutto è Conte – ha ribadito ancora Salvini -, perché la Merkel ha telefonato a Conte, perché i poteri forti stanno spingendo Conte, perché il primo a scaricare i 5 stelle è stato Conte. Non entro nel merito delle dinamiche dei Cinque Stelle anche perché in molti ci stanno scrivendo e chiamando. Ma non posso entrare in casa altrui, posso solo attendere che votino i loro militanti sulla piattaforma Rousseau, l’alleanza con il Pd per molti e’ un disagio indigeribile”.

“E’ mio dovere – ha aggiunto parlando con i giornalisti a margine di “Berghem Fest” ad Alzano Lombardo (Bergamo) – tenere duro e vi prometto che non mollerò mai. La seconda promessa che vi faccio è che andremo a vincere. Possono solo ritardare la loro scomparsa. In qualunque paese normale sarebbe già stata fissata la data delle elezioni”.

“E’ normale un governo che nasce per bloccare il paese? Noi facciamo sempre quello che abbiamo fatto, in parlamento andiamo per portare le nostre proposte” ha rincarato la dose Salvini, questa mattina, ai microfoni di Radio24. Il governo nasce con l’unico collante di dare fastidio alla Lega. Non ho capito cosa vogliono fare. La gente vuole meno tasse, più sicurezza e meno burocrazia. Un presidente del Consiglio che chieda consigli alla Germania su cosa fare in Italia non è rispettoso, non è normale”.

“Leggi e confini vanno rispettati. Se qualcuno pensa di fregarsene – aggiunge il ministro dell’Interno parlando di immigrazione – senza conseguenze ha sbagliato di grosso e ha sbagliato ministro: faccio e farò di tutto per difendere l’Italia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA