Salvini deride il Marchini in Ferrari. E gli suggerisce di non vergognarsi della ricchezza: poi annuncia che al ballottaggio potrebbe votare la Raggi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Ferrari di Alfio Marchini infiamma la campagna elettorale a Roma. La notizia che usi due diverse auto – una Ferrari per lunghi tratti e una Panda in città – per spostarsi negli incontri pubblici è diventata motivo di confronto. Il leader della Lega, Matteo Salvini, intervistato a In Mezz’ora, ha attaccato: “Mi sembra una presa in giro nei confronti dei romani. Se la Ferrari te la sei guadagnata ci vai in giro, e se non è qualcosa di cui ti vergogni. Io ho nulla contro chi è ricco”. E ha tracciato un parallelo con Ignazio Marino: la questione della Ferrari “mi ricorda Marino che arrivava in macchina poi gli ultimi metri li faceva in bicicletta per fare il fenomeno”. Ribadendo: Io non mi vergognerei della ricchezza e per quello che ho guadagnato”. Ma il numero del Carroccio ha incalzato l’imprenditore su un altro terreno, decisamente più politico: “Se devo contestare qualcosa a Marchini non è l’auto ma la compagnia che si è scelto: Fini, Casini, Alemanno e Alfano a Roma li hanno già visti all’opera”.

A stretto giro Marchini ha replicato: “Caro Salvini non c’è nulla di cui vergognarsi, c’è solo la sensibilità di non ostentare. Puoi fare un viaggio in macchina beneficiando di un lusso legittimo, senza sbatterlo in faccia a chi oggi non arriva a fine mese. Felice, abbiamo due stili diversi”. Lo stesso concetto esposto di fronte alla questione dell’alternanza degli spostamenti in Ferrari e in Panda.

Salvini per Raggi
Salvini, comunque, non ha parlato solo della Ferrari di Marchini. E sollecitato da Lucia Annunziata” ha parlato dell’ipotesi di sostenere Virginia Raggi al ballottaggio in un’ottica anti-Pd. “Il mio avversario è Renzi il chiacchierone”, ha ribadito. I sondaggi dicono che al ballottaggio andrà la Meloni con la Raggi. Se Giorgia però non ci arrivasse io non voterei mai un candidato del Pd perché il problema dell’Italia è Renzi”. Per questo motivo il leader della Lega ha evidenziato: “Io un uomo del Pd non lo voto nemmeno sotto tortura. E se ci fosse un ballottaggio Giachetti-Raggi voterei la Raggi”. Nonostante le domande, però, non ha spiegato quale sarebbe il suo orientamento in caso di presenza al ballottaggio di Marchini. 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA