Salvini non si dà pace. Il Capitano sconfitto si scaglia contro Conte e l’Europa: “E’ il primo iscritto del Pd. E’ in corso un furto di democrazia. Questo governo nasce a Bruxelles per farmi fuori”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il presidente Conte è il primo iscritto del Partito Democratico. Fino a dieci giorni fa il Pd era il partito di Bibbiano, di mafia capitale, di Banca Etruria, adesso invece è diventato il partito della bontà. E’ bastato tracciare una riga e tutto finito”. E’ quanto ha detto il ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso di una diretta Facebook dal Viminale. “E’ in corso un furto di democrazia. Una minoranza della minoranza – aggiunge il Capitano – sta cercando di rientrare dalla finestra dopo che gli italiani li hanno cacciati dalla porta sono le poltrone. Questo governo nasce a Bruxelles per far fuori quel rompipalle di Salvini. E queste parole sono disgustosamente chiare. Oggi guarda caso – ha aggiunto Salvini – parla l’ex commissario tedesco Oettinger e dice che Bruxelles è pronta a fare qualsiasi cosa per far nascere questo governo e ricompensarlo. Quelli che ci hanno sempre richiamato all’ordine sulla legge Fornero e quant’altro. “Forza Amici – conclude il leader della Lega -, non potranno scappare dal voto all’infinito: io sono pronto e determinato come non mai, conto su di Voi!”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA