Sammy Basso progeria, cos’è e quanto può vivere? Malattia, fidanzata, laurea, genitori

Sammy basso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi è Sammy Basso, il ragazzo affetto da progeria ospite di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno nella puntata di mercoledì 11 maggio?

Sammy Basso, malattia: quanto può vivere e cos’è la progeria?

Sammy Bassso è nato il 1° dicembre 1995 a Schio, in provincia di Vicenza, e ha 26 anni. Il ragazzo, affetto da progeria, alla nascita pesava 2,6 chilogrammi e non evidenziava alcun sintomo della malattia. Le prime manifestazioni, tuttavia, si sono verificate a distanza di pochi mesi e il piccolo è stato sottoposto a numerosi accertamenti clinici che non hanno portato alla formulazione della diagnosi corretta. All’età di due anni, poi, i medici del Dipartimento di pediatria dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Padova hanno consigliato ai genitori del piccolo di sottoporlo a una consulenza genetica. In questa fase, quindi, il 12 gennaio 1998, i genetisti sono riusciti a giungere a una diagnosi di progeria.

La progeria è una malattia genetica estremamente rara nota anche come “sindrome da invecchiamento precoce”. Al momento della diagnosi nel 1998, la patologia era poco nota in Italia, non erano disponibili cure e neppure una letteratura scientifica incentrata su di essa.

Fidanzata, laurea e genitori

Sammy Basso vive a Tezze sul Brenta insieme alla sua famiglia e non ha mai permesso alla progeria di ostacolare il suo percorso di vita. Dopo essersi diplomato al Liceo Scientifico di Bassano del Grappa, si è immatricolato nell’anno accademico 2014-2015 al corso di laurea in Fisica dell’Università degli Studi di Padova. Successivamente, è passato al corso di Scienze Naturali per realizzare il suo sogno di lavorare al CERN di Ginevra, dopo aver completato gli studi.

Il 23 marzo 2021, ha conseguito la laurea magistrale in Molecular Biology presso l’Università di Padova.

Dopo il diploma, ha fatto un viaggio negli Stati Uniti d’America con i suoi genitori, Laura e Amerigo. Durante il viaggio, ha documentato i posti visitati scrivendo il libro Il viaggio di Sammy e registrando alcuni episodi che sono andati in onda sul canale Nat Geo People.

Il 13 febbraio 2015, è stato invitato come ospite alla 65esima edizione del Festival di Sanremo e ha parlato della malattia di cui soffre.