Sangue e terrore in Nigeria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Ci sono guerre dimenticate ma non per questo meno crudeli. La maggior parte di essere insanguinano l’Africa, ancora alle prese con quelle rivalità tra etnie e religioni che affondano le proprie radici nei secoli. E mentre il mondo si concentra e s’interroga sugli scenari di Ucraina e Medioriente in paesi come la Nigeria non passa giorno senza un massacro. L’ultimo è avvenuto a Kaduna, dove l’esplosione di due bombe ha provocato una carneficina da 82 morti. La prima esplosione è stata provocata da un kamikaze che ha cercato di uccidere lo sciecco Dahiru Bauchi, un imam locale noto per i suoi sermoni molto critici nei confronti della setta jihadista Boko Haram. Ma il religioso si è salvato e a terra sono rimasti 32 innocenti. La seconda bomba è scoppiata in popoloso mercato del quartiere Kawo e ha causato la morte di 50 persone.