Scommettiamo che… Sul web impazza il toto Colle. Rodotà stravotato nel sondaggio del Fatto. Da Ballarò a Panorama vince la Bonino. Ma Paddy Power quota Prodi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nell’era della partecipazione collettiva, ogni qualvolta che si avvicina un grande evento, ognuno è chiamato a dire la sua. E così anche per l’avvicinarsi delle dimissioni di Giorgio Napolitano e la conseguente elezione del suo successore, tutti scalpitano, tra sondaggi, elezioni virtuali e, addirittura, bookmakers, quotazioni e scomesse. Insomma, il mondo del virtuale, come spesso accade, anticipa il reale con nomi e candidati, dando un assaggio di quelle che potrebbero essere le preferenze. Anche se poi difficilmente mondo del web e mondo reale si trovano a coincidere.

HIGHLANDER
Tra i tanti nomi che girano per la rete, uno dei più quotati è quello del sempiterno Stefano Rodotà. Il giurista 81enne, già candidato del Movimento cinque stelle durante le elezioni 2013, non a caso è primo nel sondaggio del Fatto, staccando Ferdinando Imposimato e Gustavo Zagrebelsky. Ma tra i nomi che più girano in rete anche Gino Strada, Milena Gabanelli e il pm antimafia Nino Di Matteo.

EMMA PRESENTE
Certo, però, la rete esprime solo una fetta dell’elettorato, spesso la più giovane e vogliosa di un cambiamento radicale. Eppure tra i candidati preferiti del web, c’è anche una evergreen come Emma Bonino (che non a caso nell’ultimo periodo è tornata in auge con diverse interviste rilasciate sui giornali e dicendosi disponibile a sostituire Re Giorgio). L’ex ministro è prima in diversi sondaggi. Dall’ultimo di Ballarò a quelli de Il Secolo XIX e di Panorama. C’è da dargli credito? Probabilmente no, dato che basta andare a sfogliare i sondaggi del 2013 per vedere che anche allora la Bonino era uno dei nomi dato per la maggiore.

L’AZZARDO
In un mondo dove tutti avanzano il loro nome, però, c’è anche chi ha deciso di sfruttare la cosa a proprio vantaggio, come Paddy Power. Anche se sono difficili da raggiungere dal nostro Paese, in quanto bloccati dalla legge 296/2006, con qualche trucchetto (mascherando l’IP) è possibile visionare le quotazioni dei bookmakers inglesi. Ed ecco allora che spunta una lista di 25 candidati. Il più papabile pare essere Romano Prodi (dato a 7 a 1), segue Rodotà (8 a 1), seguito quindi da Bonino, Massimo D’Alema (a 10) e Pierluigi Castagnetti (14 a 1). Via via tutti gli altri, fino ad arrivare a Piero Grasso e Graziano Delrio, dati a 40 a 1. Insomma, i nomi sono tanti. E probabilmente creano solo più confusione.