Scontro ad alta quota tra boiardi di Stato. Tutti vogliono volare sull’aereo con Renzi in Sud America. Viaggiano soli Castellano e Starace

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A dare la notizia è il sito Dagospia, solitamente ben informato anche su questo genere di gossip. Sarebbero molti i boiardi di Stato, manager privati e grandi industriali fortemente agitati per via del viaggio di Renzi, giovedì prossimo, in America Latina. Motivo? Il nuovo Aitrbus A330 non è ancora disponibile e le seconde linee dovranno accomodarsi su un aereo diverso da quello del Presidente del Consiglio. Troppo folta la delegazione di diplomatici e funzionari. Per imprenditori e manager, pubblici e privati, volare col premier è però il segno della loro vicinanza e quindi tutti vogliono esserci. Tra i più nervosetti, segnalano le male lingue di Palazzo Chigi sentite da Dagospia, Alessandro Castellano di Sace e Francesco Starace di Enel.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA