Scontro frontale grillini-Boldrini. Il sì al ddl per le riforme costituzionali scatena i Cinque Stelle. Alla Camera seduta sospesa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il primo sì della Camera al ddl che istituisce il Comitato parlamentare dei 40 per le riforme costituzionali fa infuriare il Movimento 5 stelle, tant’è che la presidente della Camera Laura Boldrini è stata costretta a sospendere i lavori e a convocare i capigruppo. L’approvazione di Montecitorio giunge dopo quella del Senato: la seconda lettura al ddl che prevede una deroga all’art. 138 della Costituzione è prevista tra tre mesi. Il ddl è stato approvato con 397 favorevoli, 132 contrari e 5 astenuti. A favore hanno votato Pd, Pdl, Scelta Civica, Lega, Fdi, Cd e Minoranze linguistiche. Contro, invece, si sono espressi quelli del M5S e di Sel.
Per protestare contro il provvedimento i rappresentanti del M5S, prima della votazione, hanno esposto dei cartelli con la scritta “No deroga art. 138”. La Boldrini dopo aver chiesto di rimuovere i cartelli è stata costretta a sospendere la seduta. Ad alimentare la tensione l’intervento del deputato pentastellato Alessandro Di Battista che ha dato dei “ladri” ai colleghi degli altri partiti.