Scontro tra toghe nella Procura di Milano. Indagato a Brescia pure il procuratore Greco

Amara Greco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua a soffiare vento di bufera sulle toghe milanesi. Dopo i veleni sul caso dei verbali apocrifi  di Piero Amara, risulta indagato anche il procuratore di Milano, Francesco Greco. Secondo la Procura di Brescia, competente per i reati dei colleghi del capoluogo lombardo (leggi qui), si tratta di un atto dovuto. Al vertice dell’ufficio giudiziario di Milano, viene contestato il ritardo nell’apertura dell’indagine nata dalle dichiarazioni messe a verbale dall’avvocato Amara sulla presunta Loggia Ungheria. Nel fascicolo bresciano c’è anche il pm Paolo Storari, indagato per rivelazione di segreto d’ufficio, che, come noto, è il grande accusatore di Greco.

Dall’archivio: Veleni fra i pm in Procura a Milano. Il caso Amara sul tavolo del Csm. Il Consiglio superiore convoca nove magistrati. E può disporre una maxi rotazione per incompatibilità.