Scuola, ecco il concorso per 64 mila insegnanti. E il ministro Giannini parla di semplificazione e innovazione. Sarà la volta buona?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi ha annunciato un concorso per quasi 64mila insegnanti. Si tratta di una delle misure approvate ieri in Consiglio dei ministri. Il premier ha spiegato come funzionerà la procedura: “Andremo a bandire un concorso per 63.712 insegnanti, è un grande investimento sulla scuola. Speriamo che a settembre possano andare in cattedra. Un grande caloroso pensiero a quelli che hanno detto che noi non intervenivamo sulla scuola”.

E’ intervenuta anche la ministra Stefania Giannini spiegando che “La riforma delle classi di concorso è un provvedimento “circoscritto ma importante perché consente di accedere alla selezione di insegnanti che partirà a breve”. Il ministro dell’Istruzione si è soffermata poi sui criteri: “Sono semplici: semplificare, adeguare, innovare. Semplificare perché nel tempo si sono stratificate classi distinte che non avevano più senso. Siamo dunque passati ora da 168 a 116. Adeguare perché l’università dal ’99, anno di nascita delle attuali classi, è cambiata. E innovare perché anche la scuola è cambiata con la riforma delle Superiori del 2010 che ha introdotto nuovi indirizzi come il liceo musicale-coreutico”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA