Se un serial killer può avere anche permessi premio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continuano le ricerche di Bartolomeo Gagliano, il killer evaso di cui da ieri si sono perse le tracce. Il pregiudicato 55enne è accusato di aver ucciso due prostitute e una transessuale, ed era detenuto presso il carcere di Marassi e in permesso premio a Savona, dove avrebbe dovuto far rientro proprio ieri mattina mattina entro le 9. Dalla questura di Genova fanno sapere che per ora non ci sono novità e che le ricerche continuano su tutto il territorio nazionale. Ieri l’uomo è scappato a bordo di una Panda verde che aveva sottratto a un panettiere. Il killer a Savona, sotto la minaccia di una pistola, ha costretto il panettiere a risalire in auto per recarsi a Genova. Prima di lasciare Savona, però, ha obbligato la vittima a caricare in auto tre borse. Durante il viaggio il rapinatore, tra le altre cose, ha confidato di aver bisogno di un passaggio fino a Genova per far rientro al carcere di Marassi entro le 9.00. Una volta arrivati nel capoluogo ligure, però, ha fatto scendere la vittima in via De Marini e si è allontanato a bordo dell’auto. E intanto il giudice del Tribunale di sorveglianza Daniela Verrina ha affermato che il permesso a Bartolomeo Gagliano “è stato rilasciato su basi legittime, dopo un lungo studio delle relazioni che riportavano da tempo una compensazione del disturbo psichiatrico, lucidità, capacità di collaborare, tranquillità e nessun rilievo psicopatologico”.