Servizi non segreti. Dopo il nostro scoop Palazzo Chigi cambia il volo di Stato. In alcune foto era perfettamente leggibile la sigla dell’aereo usato dall’Aise

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sbagliando s’impara. Nella notte tra mercoledì e giovedì, le salme di Salvatore Failla e  Fausto Piano sono arrivate a Ciampino. Ma questa volta, al contrario del rientro degli altri due ostaggi, avvenuto lunedì, il governo ha deciso di utilizzare un C130 dell’Aeronautica militare e non un Falcon dei servizi segreti. Il motivo? Molto semplice: l’altra volta, per un’incredibile leggerezza segnalata martedì scorso da La Notizia, in alcune foto era perfettamente leggibile la sigla dell’aereo usato dall’Aise. E con quella sorta di targa era troppo facile ricostruire via internet atterraggi e decolli in giro per il mondo, con tanti saluti alla segretezza dei servizi. Il caso ha suscitato notevole imbarazzo alla Presidenza del Consiglio e questa volta si è scelta l’Aeronautica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA