Sette medici lombardi su dieci sono stressati, ma Letizia Moratti vuole farli lavorare di più

Sette medici lombardi su dieci sono stressati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette medici lombardi su dieci sono stressati: più di sette camici bianchi su dieci, esattamente il 71,6%, ritiene di essere stressato per il troppo lavoro, soprattutto a causa del duro impegno nel contrasto alla pandemia. Lo rivela un’indagine dell’ Università degli Studi di Milano-Bicocca sullo stato psicologico del personale medico lombardo realizzata tra novembre 2021 e marzo 2022 per l’associazione di categoria Anaao-Assomed.

Sette medici lombardi su dieci sono stressati

I ricercatori della Bicocca hanno distribuito un questionario a 958 medici lombardi e il 18,5% degli intervistati dichiara di aver avuto un burnout con una sintomatologia di “rilievo clinico”, mentre i disturbi dello spettro ansioso e depressivo sono pari al 31,9% e al 38,7%. Le donne hanno pagato un prezzo più alto dei colleghi maschi e sei su dieci (il 59,5%) temono di “scoppiare” in futuro. L’anzianità di servizio sembra essere stata un fattore protettivo, ma l’87,4% dei medici lombardi dichiara come la pandemia e l’avvento della quarta ondata Covid abbiano avuto effetti di media o grave entità sul proprio benessere lavorativo. Nonostante questi dati, però, l’assessora al Welfare Letizia Moratti vorrebbe farli lavorare di più nelle case di comunità. In un’intervista a La Repubblica ha infatti annunciato: “Ho avanzato al ministero la richiesta di aggiungere un pacchetto di ore aggiuntive per i medici, da impiegare in progetti individuati direttamente dalle Regioni, con un rapporto parasubordinato, per esempio l’inserimento nelle nuove case di comunità”. Come se non bastassero le ore che già lavorano.