Shoah, Mattarella: “La memoria è patrimonio dell’intera nazione. In Italia la persecuzione fu feroce e spietata. L’indifferenza: anticamera della barbarie”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il giorno della Memoria – che si celebra ogni anno anche qui al Quirinale – non può e non deve esaurire la riflessione su quello che accadde, nella prima metà del secolo scorso, nel cuore del nostro Continente. La Shoah, per il suo carattere unico e terribile, trascende la dimensione storica del suo tempo e diventa monito perenne e lezione universale”. E’ quanto ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione delle Celebrazioni del Giorno della Memoria al Quirinale.

“La memoria delle vittime innocenti di quelle atrocità – ha aggiunto il Capo dello Stato – è patrimonio dell’intera nazione, che va onorato, preservato e trasmesso alle nuove generazioni affinché non avvengano mai più quegli orrori. In Italia, sotto il regime fascista, la persecuzione dei cittadini italiani ebrei non fu, come a qualcuno ancora piace pensare, all’acqua di rose. Fu feroce e spietata. La metà degli ebrei italiani, deportati nei campi di sterminio – ha aggiunto Mattarella – fu catturata e avviata alla deportazione dai fasciato, senza il diretto intervento o la specifica richiesta da parte dei soldati tedeschi”.

“Le leggi razziali, in Germania, come in Italia, – ha detto ancora il presidente della Repubblica -negavano agli ebrei l’istruzione, l’affettività, il lavoro, la proprietà, la casa, la cittadinanza, i diritti. Negare l’umanità per poi sopprimere. E’ tutto questo avveniva nell’indifferenza di tanti. L’indifferenza: anticamera della barbarie. Una indifferenza diffusa. Anche in Italia. Per fare davvero i conti con la Shoah, allora, non dobbiamo rivolgere lo sguardo soltanto al passato. Perché il virus della discriminazione, dell’odio, della sopraffazione, del razzismo non è confinato in una isolata dimensione storica, ma attiene strettamente ai comportamenti dell’uomo. E debellarlo riguarda il destino stesso del genere umano”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA