Sì alla rete unica a banda larga. Via libera di Governo e maggioranza al piano Tim-Cdp. Anche Tiscali entrerà in FiberCop

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al termine del vertice di maggioranza odierno è stato dato il via libera unanime al percorso individuato fra Cassa depositi e prestiti e Tim per la costituzione della società che gestirà le infrastrutture della rete unica a banda larga. All’incontro, oltre al premier Giuseppe Conte, hanno partecipato l’Ad di Cdp, Fabrizio Palermo (nella foto) e i ministri Gualtieri, Patuanelli, Pisano, Bonafede, Franceschini e Speranza, con Andrea Orlando e Luigi Marattin.

Tim e Tiscali hanno sottoscritto, inoltre, un Memorandum of Understanding per definire i termini di una partnership strategica avente ad oggetto lo sviluppo del mercato ultra-broadband attraverso la partecipazione commerciale di Tiscali al progetto di co-investimento FiberCop, il veicolo di nuova costituzione, in cui sono previsti il trasferimento della rete secondaria di Tim, la partecipazione del fondo KKR Infrastructure, e le attività in essere in FlashFiber, la joint-venture tra TIM e Fastweb.

“Il progetto consiste, in un primo momento – si legge in una nota congiunta -, nel razionalizzare la rete di Tiscali creando le condizioni per agevolare la migrazione dei propri clienti sulla rete ultrabroadband di FiberCop. Gli interventi consentiranno inoltre a Tiscali di ridurre in modo consistente i costi di infrastruttura di rete, evitando duplicazioni. Nel medio-lungo termine e in linea con il piano di sviluppo di FiberCop, l’accordo consentirà a Tiscali di attivare sulla rete di nuova costituzione una quota significativa dei propri accessi”.

“Tim e Tiscali – fanno sapere inoltre – verificheranno successivamente, nel pieno rispetto dei diritti e delle prerogative riconosciute ai soci in virtù della disciplina statutaria e delle eventuali previsioni parasociali, la possibilità di un eventuale ingresso di Tiscali nell’azionariato di FiberCop attraverso il conferimento di apposito ramo d’azienda, secondo modalità da concordarsi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA