Si complica il caso Eitan. Per il Tribunale dei minori di Milano il tutore non può essere la zia ma deve essere un professionista esterno

Eitan Mottarone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ennesimo colpo di scena sul caso del piccolo Eitan. Il Tribunale per i minorenni di Milano, nell’ambito del procedimento sul reclamo presentato dai nonni materni del sopravvissuto alla tragedia del Mottarone contro la nomina della zia paterna Aya come tutrice legale, ha nominato come tutore in sostituzione della zia “un professionista estraneo ad entrambe le famiglie di origine”.

Leggi anche: Eitan tornerà in Italia entro due settimane. La Corte Suprema israeliana ha rigettato il ricorso del nonno. Ma Peleg non si arrende: “Continueremo a lottare in ogni modo legale”.

Per i giudici, però, il bambino deve restare “collocato presso la zia”. Lo ha comunicato il presidente del Tribunale per i minorenni, Maria Carla Gatto, chiarendo che la decisione è stata presa data “l’elevatissima conflittualità, manifestatasi successivamente all’iniziale nomina del tutore” che “ha reso necessaria l’individuazione di un soggetto terzo”.

Leggi anche: Mandato di cattura internazionale per il nonno di Eitan e per l’autista che lo aiutò a prelevare il bambino. I pm italiani hanno chiesto ad Israele l’estradizione di entrambi.