Siamo diventati tifosi anche sulla guerra in Ucraina: è vietato dissentire dal pensiero contro la Russia e chi pone dubbi e domande è messo all’indice

Marc Innaro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La russiofobia alza il tiro. In un momento in cui sarebbe fondamentale capire, agire con il cuore freddo e non lasciarsi trascinare da tifo che non ha nulla a che vedere con la doverosa solidarietà al popolo ucraino in Italia le baruffe chiozzotte tra cortili contrapposti non riesce proprio a spegnersi.

È il solito meccanismo, questa volta applicato alla guerra: polarizzare è la scorciatoia per non dover comprendere, per non dover fare i conti con la complessità e per convincersi che “stare dalla parte giusta” significhi additare untori ovunque. I rivoli della guerra, del resto, portano con sé trasporto solido che ha sempre a che fare con l’irrazionale bisogno di odiare.

Il caso del professor Orfini

Dopo la figuraccia dell’Università Bicocca di Milano che prima cancella e poi goffamente ripristina un corso di Dostoevskij e dopo gli artisti russi boicottatati perché russi ora è il professore della Luiss Orsini che viene accusato di danneggiare “valore, patrimonio di conoscenza e reputazione” dell’università per cui lavora.

La sua colpa? Avere partecipato alla trasmissione Piazzapulita su La7 e avere espresso critiche a Usa e Europa e avere affermato che “l’idea che stiamo alimentando in queste ore è un’idea totalmente priva di fondamento nella realtà. Che Kiev da sola possa resistere, è semplicemente da escludere”.

Le opinioni legittime del professore (per quanto condivisibili) hanno scatenato l’università Luiss che l’ha accusato di non “attenersi scrupolosamente al rigore scientifico dei fatti e dell’evidenza storica” e di “lasciar spazio a pareri di carattere personale”.

Solo che le competenze del professore (che è direttore dell’Osservatorio sulla Sicurezza internazionale della Luiss) sono le stesse che l’hanno portato a essere apprezzato in Italia e all’estero (è Research affiliate al Mit di Boston).

Il caso di Marc Innaro

Grandi lamenti tra i partiti anche per Marc Innaro, capo-corrispondente Rai da Mosca che nei suoi servizi si è permesso il lusso (vietato di questi tempi) di fare il suo mestiere, ovvero riportare la voce ufficiale del governo russo (per quanto disdicevole sia) nei suoi servizi.

Qualcuno è saltato sulla sedia: “Diamo spazio alla propaganda russa?”, hanno sbraitato, evidentemente stupiti che nell’usurante compito del giornalismo ci sia anche il riportare la voce dei “cattivi” proprio per aiutare a comprendere.

Nel caso di Innaro la censura di Putin ha facilitato la soluzione: per non rischiare di vedere i propri giornalisti condannati la Rai dal regime di Putin ha (giustamente) richiamato in patria i suoi corrispondenti.

Per non farsi mancare niente perfino l’Anpi è accusato di fiancheggiamento per pacifismo. Anche il pacifismo è immorale per i cultori del tifo.

Lo schema è sempre lo stesso: illudersi che nascondere le contraddizioni possa essere un’arma per la compattezza. è accaduto in fase di pandemia (in cui bastava contestare un virgola di decreto per essere messi nel cassetto dei “No vax”) e si ripete oggi. Ci illudiamo che si parli di Russia ma stiamo parlando di noi.