Siamo Messi male. Il fuoriclasse argentino e suo padre a giudizio per un’evasione fiscale di 4,16 milioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Leo Messi non si salva in calcio d’angolo. Proprio il caso di dirlo. Niente archiviazione, come ricostruito da La Stampa. E così il fuoriclasse argentino e il padre Jorge Horacio sono ufficialmente in attesa di giudizio. Dopo la presentazione da parte del pubblico ministero, il procuratore fiscale Raquel Amado, del Procuratore di Stato e della difesa delle prove e dei rispettivi incartamenti, il giudice ha considerato “rilevanti” gli argomenti dell’accusa e respinto le istanze difensive che puntavano all’annullamento del processo.

L’accusa non è di poco conto: presunta evasione fiscale sui diritti d’immagine del calciatore di 4,16 milioni di euro tra il 2007 e il 2009.

All’uscita dal tribunale, l’avvocato della Pulce ha dichiarato che si tratta di “un un processo ancora tutto da giocare”. Ma si tratterà certamente di un “gioco” diverso, cui Messi è meno abituato rispetto al solito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA