In Sicilia ci sono 250mila dosi di Astrazeneca chiuse nei frigoriferi. La gente ha paura e nessuno le vuole. Musumeci: “Psicosi ingiustificata”

Il governatore Nello Musumeci: "Verso AstraZeneca c'è stata e c'è una comprensibile ma ingiustificata. I dubbi sono risultati infondati".

“Ho ricevuto il dato aggiornato su Astrazeneca, abbiamo 250 mila dosi di siero chiuse nei frigoriferi e al momento inutilizzate”. È il dato, fornito in conferenza stampa a Palazzo d’Orleans, dal funzionario della Regione Siciliana, Mario La Rocca, dirigente generale del Dasoe in merito all’andamento della campagna vaccinale anti-Covid in Sicilia.

COVID, LA PUGLIA PROCEDE CON LA FASE DUE DELLA VACCINAZIONE

“Abbiamo avviato l’open day tre settimane fa per dare forza e impulso alla campagna di vaccinazione – ha detto il governatore Nello Musumeci  – e a quella con AstraZeneca in modo particolare, la cui scorta nei frigoriferi è sempre stata abbondante. Verso AstraZeneca c’è stata e c’è una comprensibile ma ingiustificata psicosi, a fronte di 5-6 decessi la cui connessione con il vaccino comunque è stata esclusa”.

“Aver registrato in Sicilia cinque decessi – ha aggiunto il governatore siciliano – che secondo i mass media potevano essere collegati alla somministrazione di Astrazeneca – i dubbi sono risultati infondati – ha determinato un psicosi. Questo ha frenato non solo la fascia anagrafica interessata, ma ha anche avuto una ricaduta negativa sugli ultra ottantenni”.

“Con quest’ultima categoria – ha aggiunto ancora Musumeci – abbaiamo operato una campagna di vaccinazione abbastanza tenace, chiedendo la collaborazione dei farmacisti e dei medici di medicina generale. Debbo ringraziare la minoranza dei medici di medicina generale che sta collaborando nella ricerca del proprio paziente ultra ottantenne per convincerlo a vaccinarsi. Devo però sottolineare che dei medici di base ci aspettiamo ancora di più”.

“In Sicilia – ha detto ancora il presidente della Regione – è stato immunizzato oltre il 10 per cento dei siciliani: significa che i cittadini appartenenti a questa categoria di immunizzati hanno ricevuto la prima e la seconda dose, compresi gli 860 cittadini che di dose ne hanno ricevuto solo una perché si sono sottoposti a inoculazione di Johnson & Johnson”.

L’andamento della campagna vaccina in Italia.

Secondo l’ultimo report del Commissario per l’emergenza sono 21.098.977 le dosi di vaccino contro il Covid-19 finora somministrate in Italia, l’85,3% del totale di quelle consegnate, che sono finora 24.733.960: nel dettaglio 15.624.180 Pfizer/BioNTech, 2.207.900 Moderna, 6.565.080 Vaxzevria (AstraZeneca) e 336.800 Janssen (J&J). Le somministrazioni hanno riguardato 12.003.490 donne e 9.095.487 uomini. Le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi sono 6.366.034.

Leggi l’articolo: Vitt: cos’è la trombosi venosa e cosa c’entrano i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:05
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram