Silvia non è ancora libera. Dopo 18 mesi di prigionia deve fare i conti con gli hater e le minacce che arrivano dai social. La Prefettura di Milano valuta la tutela

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Prefettura di Milano e il Viminale stanno valutando in queste ore di sottoporre a tutela, fissa o mobile, Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya 18 mesi fa e rientrata in italia ieri dopo essere stata liberata. La 25enne è oggetto da ore di critiche, per la scelta di essersi convertita all’Islam durante la prigionia, ma anche di pesanti minacce via social che le forze dell’ordine stanno monitorando. La ragazza, per il momento, dovrà rimanere 14 giorni in isolamento domiciliare, secondo le disposizioni per il contenimento del Coronavirus. Ma già da oggi sotto la sua abitazione, a Milano, stazionano diverse pattuglie delle forze dell’ordine.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA