Il sindaco di Amatrice augura buon lavoro al Commissario Farabollini ma avverte: “Attendo di conoscere gli strumenti che avrà a disposizione. I veri problemi deve affrontarli la politica”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Finalmente abbiamo un Commissario, ora ancor più importante della scelta della persona è attribuirgli poteri idonei agli incarichi che gli vengono assegnati”. E’ l’appello al Governo, all’indomani della nomina del nuovo Commissario straordinario alla ricostruzione, Piero Farabollini, del sindaco facente funzione di Amatrice (Rieti), Filippo Palombini.

“I tecnici – ha aggiunto il primo cittadino del comune reatino colpito dal sisma del 24 agosto 2016 – sono importantissimi nel post terremoto, ma i veri problemi deve affrontarli la politica. Per esprimere un giudizio completo sulla nuova struttura commissariale, attendo di conoscere gli strumenti che saranno messi nelle mani del Prof. Farabollini per adempiere al suo mandato. Intanto – conclude Palombini – faccio al professore i miei migliori auguri di buon lavoro e resto a sua disposizione per il lavoro sul territorio”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA