Siria, piovono missili su Aleppo e Hama: almeno 40 morti. Colpiti due depositi di armi. Non è chiaro chi sia l’autore dell’attacco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono almeno 40 i morti in Siria e 60 i feriti a causa di attacchi missilistici contro postazioni militari nel nord del Paese, ad Aleppo e Hama. Gli attacchi, secondo quanto riportato dalla stampa siriana, che cita fonti straniere, sarebbero partiti dalle basi americane e britanniche che si trovano nel nord della Giordania. Tra le vittime ci sarebbero anche 18 iraniani.

La tv di Stato parla di aggressione militare. Ma sono molte confuse le notizie a riguardo. Perché se la tv siriana attribuisce gli attacchi a Usa e Gran Bretagna, altri siti sempre vicini ad Assad parlano di attacco da parte degli israeliani. Restano però i tanti morti e le possibili pericolose conseguenze per quanto sta accadendo.

L’attacco, secondo una fonte della sicurezza siriana, probabilmente era mirato a colpire alcuni depositi di armi. Nelle vicinanze di uno di questi depositi sono stanziate le truppe iraniane. Proprio l’Iran era finito nel mirino di Israele che accusa gli iraniani dell’espansione militare nel territorio siriano. Accuse che erano state ribadite telefonicamente dal premier israeliano Bibi Netanyahu al presidente americano Donald Trump.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA