Sondaggi politici oggi: Lega e Fdi primo e secondo partito, ma Conte è il leader più popolare e il Carroccio è ai minimi dal 2019

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I sondaggi politici di Cartabianca su dati di Emg confermano la tendenza delle rilevazioni di Swg per il Tg di La7: Lega e Fratelli d’Italia sono il primo e il secondo partito. Ma mentre il Carroccio continua a perdere voti, Giorgia Meloni ne guadagna e stacca il Partito Democratico e il MoVimento 5 Stelle.

Sondaggi politici oggi: Lega e Fdi primo e secondo partito, ma Conte è il leader più popolare

Le intenzioni di voto dell’istituto di ricerca certificano la discesa della Lega, che scende sotto il 22% in queste rilevazioni e approda al 21,9% dopo aver perso lo 0,3% in una settimana. Per una volta invece Fratelli d’Italia è stabile (al 18,5%), ma la discesa del suo competitor diretto – che in questa rilevazione è il Movimento 5 Stelle – fa sì che la forbice con il terzo posto si allarghi mentre si assottiglia quella con il primo. Il M5s è intanto al 18% e perde lo 0,3% come la Lega, mentre il Pd porta a casa mezzo punto percentuale in più e arriva al 17,2%.

sondaggi politici oggi 19 maggio cartabianca lega fratelli d'italia 1

Staccata, e di tantissimo, è Forza Italia al 7% (che però cresce dello 0,3%, la stessa quota persa dalla Lega). Italia Viva è al 3,9% in questa rilevazione. Seguono i “piccoli”, il cui più importante esponente è Azione di Carlo Calenda con il 3,1%.

Sondaggi politici oggi: Conte è il leader più popolare

Secondo la rilevazione di Swg di ieri per il tg di La7 che si basava sulle stime del 17 maggio 2021 la Lega perdeva anche lì lo 0,3% e si attestava al 21%, mentre Fratelli d’Italia guadagnava lo 0,4% ed è al 19,5%: soltanto un punto e mezzo percentuale separava i fratelli-coltelli del centrodestra Salvini-Meloni. Il sorpasso di Fdi nei confronti del Pd nasceva dal fatto che il partito di Letta aveva perso un altro 0,3% ed era al 19,2%. Più vicino al risultato delle catastrofiche elezioni politiche del 2018 rispetto che alla ripresa che aveva segnato la segreteria di Nicola Zingaretti.

I sondaggi di Ipsos illustrati ieri da Nando Pagnoncelli durante DiMartedì invece dicono che Giuseppe Conte è il leader più popolare d’Italia. Il 55% dell’Avvocato del Popolo segna una voragine con la seconda classificata, ovvero Giorgia Meloni al 38%. Poi c’è Enrico Letta e soltanto al quarto posto troviamo Matteo Salvini con il 29% mentre  Silvio Berlusconi lo tallona con il 27%. Il governo Draghi invece è al 58% del consenso mentre il premier arriva al 60%.

La Lega ai minimi nei sondaggi

I sondaggi politici di Demos illustrati nei giorni scorsi da Ilvo Diamanti su Repubblica dicevano invece che la Lega era ancora in calo ed era tallonata dal Partito Democratico. La  Lega di Salvini in quella rilevazione era accreditata del 21,3%, ma in discesa di un punto rispetto allo scorso marzo, ma di 13 rispetto alle Europee del 2019. Inseguiva il Partito Democratico con il 20,1%. Poi seguivano Fratelli d’Italia e MoVimento 5 Stelle, a loro volta distaccati di mezzo punto percentuale. Ma con destini diversi: il M5s perde voti (-1,1%), FdI li guadagna (18,2%).

Gli altri si posizionavano molto più in basso. Sotto il 10%. Anzitutto FI, stimata al 7,6%. A seguire, i partiti a sinistra del Pd, al 4,5%. In fondo alla graduatoria, addensati intorno al 2%, c’erano Azione, +Europa, Italia Viva e, ancora più in basso, altre liste. Anche i sondaggi di Index Research raccontati da Corrado Formigli durante Piazzapulita giovedì danno la Lega sotto il 22%. Le rilevazioni dell’istituto di ricerca sulle intenzioni di voto dicono che la Lega è al 21,3% e guadagna lo 0,2% rispetto alla scorsa settimana, mentre il Partito Democratico arriva al 20% e perde lo 0,1%. Fratelli d’Italia è al 18% e perde lo 0,2% mentre il MoVimento 5 Stelle è al 16% e lascia sul campo mezzo punto percentuale. Forza Italia è al 6,8%, percentuale invariata rispetto alla scorsa settimana. Azione di Carlo Calenda invece è al 3,5% e guadagna lo 0,1%. Sinistra Italiana al 2,8% e Italia Viva al 2% sono ferme rispetto a sette giorni fa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava più di un pugile suonato. Nonostante l’avvertimento emerso quindici giorni fa dalle urne, Meloni e Salvini non hanno saputo riacquistare

Continua »
TV E MEDIA