Sondaggi politici oggi: M5s in crescita con Conte leader, cala la fiducia nel governo Draghi. Pd: già finito l’effetto Enrico Letta segretario?

sondaggi politici oggi 19 marzo index research piazza pulita
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I sondaggi politici di Piazzapulita su dati di Index Research dicono che il MoVimento 5 Stelle continua la sua crescita con Giuseppe Conte leader mentre il Partito Democratico perde punti. Anche la Lega e Fratelli d’Italia sono in crescita. Cala invece la fiducia in Mario Draghi e nel suo governo dopo poche settimane a Palazzo Chigi.

Sondaggi politici oggi: M5s in crescita con Conte leader, cala la fiducia nel governo Draghi

Secondo le rilevazioni il M5s è il partito che guadagna più punti rispetto a due settimane fa, crescendo dello 0,8% e approdando al 15,3%. Anche la Lega guadagna voti (+0,6%) e arriva al 24% mentre il terzo partito è Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che arriva al 16,6%. Poi c’è il Pd, che sembra aver perso l’effetto Letta segretario e cala dell’1,1% in due settimane (ora è al 18%) ma rimane al secondo posto nelle preferenze degli italiani.

Forza Italia è al 7% (in calo dello 0,1%) mentre Azione di Carlo Calenda è al 3,9% e Sinistra Italiana, all’opposizione del governo Draghi, la tallona al 3,8% (+0,1%). Italia Viva di Matteo Renzi cala della stessa percentuale e rimane inchiodata al 2,8% mentre Più Europa è all’1,8% (in calo dello 0,4%). Europa Verde è al 2,2% (+0,1%) e Cambiamo! di Giovanni Toti all’1,5%. La fiducia in Mario Draghi è in calo di quasi un punto percentuale in due settimane: ora è al 63%. Quella nel suo governo è al 46,3% e cala di uno 0,4%.

La media dei sondaggi oggi

Ieri abbiamo illustrato la Supermedia Agi/Youtrend dei sondaggi politici di tutti gli istituti di ricerca: sul fronte del centrodestra, la Lega perde due decimi di punto, mentre Fratelli d’Italia li guadagna. Nel dettaglio, il Carroccio si conferma primo partito con il 23,3% (-0,2) e precede il Pd al 17,9% (-1,3), FdI al 16,9% (+0,2), M5s al 16,6% (+1,8), Forza Italia all’8,1% (+0,1). Il centrodestra, nel suo complesso cresce di 0,1 punti, portandosi al 49,4%, mentre i giallorossi arretrano di 0,7 punti, al 36,5%.

  • SUPERMEDIA LISTE Lega 23,3 (-0,2) Pd 17,9 (-1,3) FdI 16,9 (+0,2) M5s 16,6 (+1,8). Forza Italia 8,1 (+0,1) Azione 3,1 (-0,8) Italia Viva 2,9 (=) Sinistra Italiana 2,3 (nd)* Art.1-MDP 2,1 (nd)* +Europa 1,9 (-0,3) Verdi 1,4 (-0,2)
  • SUPERMEDIA AREE PARLAMENTO Maggioranza Draghi 77,0 (-1,8) di cui: – giallorossi (Pd-M5s-Mdp) 36,5 (-0,7). – centrodestra (Lega-FI-Toti) 32,5 (-0,1) – centro liberale 7,9 (-1,1) Opposizione dx (FdI) 16,9 (+0,2) Opposizione sx (Si) 2,1 (nd)
  • SUPERMEDIA COALIZIONI POLITICHE 2018 Centrodestra 49,4 (+0,1) Centrosinistra 25,8 (-2,3) M5s 16,6 (+1,8) Leu 4,3 (+1,1) Altri 3,9 (-0,6)

Sondaggi politici: gli italiani preferiscono Letta e Conte a Salvini e Meloni al governo

Un sondaggio di Ipsos illustrato da Nando Pagnoncelli durante DiMartedì dice che gli italiani preferiscono Letta e Conte a Salvini e Meloni al governo. Secondo il sondaggio di Pagnoncelli il campione consultato da Ipsos preferisce che dopo Mario Draghi al governo approdassero Enrico Letta e Giuseppe Conte (39% delle preferenze) e non Matteo Salvini e Giorgia Meloni (che raccolgono insieme il 35% delle preferenze), mentre il 26% del campione sondato non ha preferenze o non le indica. Invece sui vaccini dopo il caso AstraZeneca in tanti (il 44%) non vorrebbero fare il vaccino mentre il 29% se lo farebbe somministrare lo stesso.

A Cartabianca invece sono state illustrate le intenzioni di voti per i partiti. Secondo il sondaggio politico di Emg la Lega è il primo partito con il 22% delle preferenze ma perde mezzo punto percentuale rispetto alla settimana scorsa, mentre il MoVimento 5 Stelle arretra dell’1,4% ed è al 20%. Fratelli d’Italia è al 16,8% e guadagna uno 0,4% mentre il Pd compie un balzo del 2,1% rispetto alla scorsa settimana e arriva al 16,1%. Forza Italia è al 6,5% (-0,3%) e Italia Viva al 4% (-0,3%). Azione di Carlo Calenda è al 2,9% mentre i Verdi sono all’1,9%. Seguono Sinistra Italiana con l’1,8% (in crescita dello 0,1%), Articolo 1 – Mdp con l’1,6% e Più Europa con l’1,5% (perde lo 0,3% dopo le dimissioni di Bonino e il caos nel congresso). Chiude la graduatoria Cambiamo! di Giovanni Toti con l’1,3%.