Sordi, assolti perché il fatto non sussiste i 9 imputati sotto processo per l’eredità. La Fondazione: “Il testamento è valido”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Tribunale di Roma ha assolto, “perché il fatto non sussiste”, i 9 imputati nel processo legato alla vicenda dell’eredità di Alberto Sordi. Il processo riguardava il patrimonio milionario del famoso attore e coinvolgeva il notaio Gabriele Sciumbata, l’avvocato Francesca Piccolella, l’autista dell’attore Arturo Artati e l’avvocato Carlo Farina. Il giudice ha assolto anche cinque dipendenti che lavoravano presso la villa di Sordi e che hanno assistito la sorella Aurelia.

“Questo sancisce ancora una volta che il testamento è valido”, afferma Nicoletta Piergentili, legale della Fondazione Sordi che era parte civile al processo. Il testamento di Aurelia Sordi, oggetto di un contenzioso civile tra i familiari dell’attore esclusi dall’eredità e la stessa Fondazione che porta il suo nome, affidava alla stessa Fondazione l’intero patrimonio che supera i 50 milioni di euro.

Il pm Eugenio Albamonte, che contestava a seconda delle posizioni, i reati di circonvenzione di incapace e di ricettazione aveva chiesto la condanna di tutti tra i 4 anni e i 2 anni di reclusione. L’inchiesta penale era partita dopo la segnalazione di un banca in seguito ad alcuni movimenti sospetti sui conti correnti della sorella di Sordi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA