Sottomarino scomparso, non trema solo l’Argentina. Falliti sette tentativi di chiamate satellitari. A bordo 44 membri dell’equipaggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sottomarino argentino disperso a largo della Patagonia. Sono stati registrati sette tentativi di chiamate satellitari tra le 10 del mattino di sabato e le 3 del pomeriggio. Ma non si è riusciti a stabilire una connessione. Le ricerche per ora non hanno portato alcun frutto. Per determinare la posizione precisa del sottomarino è scesa in campo anche una società americana specializzata in comunicazioni satellitari. Sono 44 i membri dell’equipaggio a bordo dell’Ara San Juan (questo il nome del battello).

Il sottomarino era partito da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata. I contatti radio si sono persi da mercoledì a 430 chilometri dalla costa. Tre i possibili problemi: blackout, problema elettrico o di comunicazioni.

In ansia anche Papa Francesco che ha assicurato la sua “reghiera fervente» per l’equipaggio, esprimendo la sua vicinanza alle famiglie e ai militari e civili a bordo. “C’è il «massimo impegno a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino il prima possibile”, ha assicurato il presidente Mauricio Macri, parlando da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA