Souvenir contraffatti per il Giubileo: sequestrati finti gadget di Papa Francesco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Che il Giubileo fosse un affare per ladri e truffatori era già chiaro. Ma finora era mancato all’appello il caso dei souvenir contraffatti di Papa Francesco. Così la Guardia di Finanza ha scritto una nuova pagina del capitolo del malaffare che sfrutta un grande evento come l’Anno Santo. All’interno di un magazzino a Borgo Pio sono stati rinveuti circa 350mila prodotti, tra calamite, quadretti, adesivi, braccialetti  portachiavi, tutti raffiguranti l’immagine del Pontefice.

L’operazione è scattata grazie al controllo effettuato, in zona Porta Maggiore, in un furgone che trasportava dei materiali da utilizzare per realizzare i finti gadget. I finanzieri hanno approfondito le verifiche, risalendo al deposito in cui era stoccata la merce. Secondo una stima la vendita avrebbe fruttato almeno 1,7 milioni di euro. Alla fine tre persone, di nazionalità cinese, sono stae denunciate alla Procura per i reati di contraffazione, ricettazione e violazioni della legge sul diritto d’autore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA