Spaventoso terremoto di magnitudo 6.7 tra Grecia e Turchia. Due vittime e 120 feriti sull’isola di Kos. A Bodrum panico per “piccolo tsunami”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Almeno due persone sono morte a causa dello spaventoso terremoto di magnitudo 6.7 che ha investito le isole greche del Sud-Est del Mar Egeo, in piena stagione turistica, ed è stato avvertito chiaramente anche in Turchia. Sono circa 120 le persone rimaste ferite. L’istituto geologico americano ha localizzato l’epicentro a circa 10,3 chilometri a Sud della città turca di Bodrum e a 16,2 chilometri a Est dell’isola greca di Kos, a 10 chilometri di profondità.

“Abbiamo due morti e dei feriti”, ha detto alla France presse un responsabile dell’ospedale dell’isola di Kos, raccontando di un “tetto di un edificio crollato”. Secondo i vigili del fuoco, si tratta del tetto di un bar situato nel centro della città. Le due vittime erano “stranieri”, ha detto il sindaco di Kos, Georges Kyritsis, a radio Skai.

Per il ministro della Marina mercantile greco, Nektarios Santorinios, il numero dei feriti è “120”. Il sisma è stato avvertito anche nella località turistica turca di Bodrum e nell’isola greca di Rodi. I terremoti sono frequenti in Grecia e al largo della costa occidentale della Turchia: il 12 giugno scorso, una donna è morta e altre 15 persone sono rimaste ferite a causa del sisma di magnitudo 6.3 che ha colpito l’isola di Lesbo, nel Nord del Mar Egeo, e che era stato avvertito sia ad Atene che a Istanbul.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA