Spiragli per l’ex Ilva. Conte incontra a Londra i vertici di ArcelorMittal. “Ci sono le premesse per l’ingresso del pubblico”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non dovete pensare che l’incontro è stato per negoziare i dettagli, però è stato un incontro utile per ribadire le linee strategiche di fondo di questo negoziato”. E’ quanto ha detto il premier, Giuseppe Conte, dopo aver incontrato nell’ambasciata italiana a Londra, i vertici di ArcelorMittal. “Ci siamo aggiornati. Ovviamente – ha spiegato il premier ai cronisti – ci sono i rispettivi staff dei negoziatori e gli staff legali che stanno lavorando. Si sta definendo il piano industriale. Si stanno creando le premesse per l’ingresso del pubblico”.

“Ci siamo soffermati molto – ha sottolineato il presidente del Consiglio – anche su aspetti tecnici per quanto riguarda la transizione energetica. Lo abbiamo detto subito: vogliamo che questo sia uno degli stabilimenti più innovativi al mondo per quanto riguarda la transizione industriale ed energetica. Ho ribadito che per noi i numeri loro iniziali non sono accettabili. Preservare il livello occupazionale adeguato, elevato, per noi è fondamentale”.

“Il giorno 7 c’è l’udienza – ha detto ancora Conte -, quindi ci sono ancora dei dettagli da esaminare. Non siamo entrati nei dettagli delle clausole però sicuramente ribadirci quali sono gli obiettivi e le strategie della negoziazione che stiamo portando avanti e ritrovarci a condividere questi obiettivi è stato importante e credo che questo offrirà ai nostri negoziatori nuova linfa e nuova energia per lavorare fino a notte fonda. In Tribunale bisogna andarci, però sarebbe bene arrivarci con un accordo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA