Strage a Mogadiscio. Oltre 200 morti a causa dell’esplosione di un camion-bomba nella capitale somala

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oltre 200 i morti a Mogadiscio dopo l’attentato di ieri. Fonti mediche della capitale della Somalia hanno riferito che ci sono anche almeno 350 feriti. Erano circa le 14.40 italiane quando un’esplosione di un mezzo sospetto ha provocato la strage nelle vicinanze del ministero degli Esteri e del Safari Hotel (in parte distrutto). La polizia stava seguendo il mezzo che era ritenuto sospetto.

Un bilancio che è apparso subito drammatico come spiegato nelle ore successive all’attentato dal comandante della polizia di Mogadiscio, Mahad Abdi Gooye: “Molto probabile che il numero dei morti aumenti nelle prossime ore, dato anche l’alto numero dei feriti”. E così è stato. Perché sono molte le persone rimaste sotto le macerie causate dall’esplosione.

Nessuna rivendicazione per il momento, ma il sospetto è che ci siano dietro i terroristi islamisti di al Shebaab, legati ad al Qaeda dal 2012. I terroristi in passato hanno già colpito più volte a Mogadiscio.