Strage all’aeroporto in Florida, il veterano killer ora rischia la pena di morte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Esteban Santiago, 26enne statunitense veterano dell’Iraq, è stato incriminato in un tribunale federale per aver ucciso cinque persone sparando in un attacco con armi da fuoco all’aeroporto di Fort Lauderdale-Hollywood, in Florida. Rischia, secondo quanto riferito da Reuters, la pena di morte.

Gli investigatori stanno indagando sulla sua salute mentale e sull’eventuale ruolo di quest’ultima nella sparatoria. È stato incriminato per atti violenti in un aeroporto, aver causato gravi ferite, aver usato un’arma da fuoco durante un crimine violento e aver causato la morte di persone con armi da fuoco, ha fatto sapere il dipartimento di Giustizia

Secondo le carte processuali, Santiago ha spiegato agli agenti di aver pianificato l’attacco e di aver comprato un biglietto di sola andata per la Florida. Intanto, non è esclusa la pista del terrorismo come motivazione e proseguono le indagini su un recente viaggio del sospettato. Santiago comparirà in tribunale a Fort Lauderdale domani. Cinque persone sono state uccise nella sparatoria, mentre circa 30 sono state portate in ospedali locali con ferite di vario tipo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA