Super stipendi in giunta. La Lega in Piemonte ci prova e poi se la batte. Il Carroccio voleva auto blu e soldi. Scoperto il gioco ritira la firma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bene uno stipendio, ma molto meglio un super stipendio. Il presidente della Regione Piemonte e i suoi assessori, una giunta di centrodestra a trazione leghista, hanno provato a darsi un bell’aumento. Davanti alle proteste dell’opposizione giallorossa e vedendo crescere l’indigazione pubblica hanno però mollato. Con il Carroccio che, dopo essersi fatto paladino della casta, ha provato a giustificarsi: “Non ci hanno capito”. A Torino, con una proposta di legge che aveva come primo firmatario il capogruppo leghista Alberto Preioni, hanno cercato di far lievitare gli stipendi del presidente Alberto Cirio (nella foto) e degli assessori, ridotti nel 2012 dopo lo scandalo riborsopoli, esploso nel Lazio con Franco Fiorito, detto er Batman, e poi allargatosi alle altre Regioni.

In Piemonte sono stati tagliati i compensi dell’esecutivo visto che gli assessori godono anche dell’auto blu. Una sforbiciata di un terzo sul rimborso spese. Tra i 1.200 e i 1.700 in meno su un totale di 3.500 euro. Con la proposta di legge per quegli stipendi era prevista un’iniezione di mille euro in più al mese. Insomma rimborsi integrali e auto blu. Come ai bei vecchi tempi della casta, di cui il Carroccio si è fatto così paladino. Un’operazione giustificata invece dall’esecutivo specificando che al momento il divario tra quanto guadagnano i consiglieri e quanto guadagnano gli assessori è notevole. Il presidente Cirio, ad esempio, a gennaio ha percepito un compenso lordo di 9.033 euro e un netto di 6.700, il suo vice e gli assessori 8.583 euro lordi e 5.900 netti, a fronte degli 8.500 euro che spettano ai consiglieri regionali, ai 9.250 dei presidenti di commissione e dei 9.500 dei capigruppo. “Avere l’autista non è un privilegio, ma uno strumento di lavoro”, ha subito provato a sostenere Preioni. A dare immediatamente battaglia è stata però l’opposizione giallorossa, con forti critiche alla proposta di legge da parte di Movimento 5 Stelle e Pd.

DIETROFRONT. Accuse pesanti quelle piovute sulla giunta Cirio, difficili da far digerire all’opinione pubblica, e la manovra per i super stipendi è stata così abbandonata. La proposta di legge è stata ritirata e non sarà neppure inserita nel collegato alla Finanziaria. “Alla luce delle polemiche strumentali generate in questi giorni a mezzo stampa, che stanno provocando il fraintendimento da parte dell’opinione pubblica della ratio alla base di questa proposta, abbiamo ritenuto opportuno di ritirare l’articolo in questione, pur rivendicandone l’assoluta legittimità e la necessità di un correttivo a una disposizione che riteniamo ingiusta”, ha sostenuto Preioni. “La strada da seguire – hanno affermato per tutta risposta i pentastellati – è quella che da sempre il Movimento 5 Stelle propone e i suoi portavoce applicano: ridurre i compensi dei consiglieri regionali. Si deve intervenire sui rimborsi forfettari non tassati, 3.500 euro esentasse che i consiglieri intascano a prescindere dalle spese sostenute”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA