Svezia, elezioni vinte dall’estrema destra: dopo le dimissioni della Adersson, il nuovo premier è Akesson

Svezia, elezioni vinte dalla forza politica di estrema destra che per la prima volta governeranno il Paese.

Svezia, elezioni: una vittoria storica per i Democratici, una forza politica di estrema destra con origini neonaziste. L’ex premier Andersson ha dato le dimissioni ma ha già fatto sapere che sarà all’opposizione del 43enne Jimmie Akesson

Svezia, elezioni vinte dall’estrema destra: dopo le dimissioni della Adersson, il nuovo premier è Akesson

Svezia, elezioni vinte dall’estrema destra

In Svezia le elezioni hanno decretato la storica vittoria dell’estrema destra. I Democratici di Svezia, contrari all’immigrazione ed emarginati da tutti i principali partiti quando sono entrati in parlamento nel 2010, hanno conquistato il 20,6% dei voti, superando i Moderati, che hanno ottenuto il 19,1%, come principale partito di destra. Il nome del partito vincitore può trarre in inganno, perché le o origini sono neonaziste e vanta ancora tanti nostalgici tra le sue file (come quei dipendenti che pochi giorni fa hanno organizzato una cena per l’anniversario dell’invasione nazista della Polonia).

Dopo le dimissioni della Adersson, il nuovo premier è Akesson

La premier svedese Magdalena Andersson, leader dei Socialdemocratici, ha annunciato le sue dimissioni da primo ministro a partire dalla giornata di giovedì 15 settembre. «Darò le mie dimissioni da primo ministro e la responsabilità di continuare il processo di formazione del governo passerà al presidente e al parlamento», ha detto Andersson. «Quando ci sarà un nuovo governo, guiderò il partito socialdemocratico all’opposizione». Così il nuovo premier è Jimmie Akesson, soprannominato Yimmie, il 43enne, dalla corporatura solida e dalla barba ben curata, è separato con un figlio. «Saremo una forza costruttiva e attiva nel riportare la sicurezza nel Paese. È tempo di mettere la Svezia prima di tutto», ha detto Akesson, che nel 2005 è diventato leader di questa formazione entrata in Parlamento solo nel 2010.

Poi, il suo messaggio anche sui social: «Il popolo svedese ha votato per il cambiamento», ha scritto Akesson in un post su Facebook. «Inizia il processo per rendere la Svezia di nuovo bella. È ora di iniziare a ricostruire la sicurezza, il welfare e la coesione. È ora di mettere la Svezia al primo posto».

Leggi anche: Putin e Xi Jinping si incontrano in un vertice a Samarcanda. Nuovi tagli del gas all’Europa decisi dallo Zar

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram