Taglia-parlamentari. L’ultimo disperato tweet di Salvini. Un estremo tentativo di convincere l’ormai ex alleato Di Maio a perdonargli il tradimento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Salvini ci riprova. Con il tweet della disperazione, per convincere i Cinque Stelle a tornare insieme. “A differenza del Pd, la Lega ha già votato e voterà ancora per il taglio dei parlamentari. Bene il risparmio di mezzo miliardo di euro per gli Italiani”, cinguetta il ministro e vice premier (ancora per poco) nell’estremo tentativo di convincere l’ormai ex alleato Luigi Di Maio a perdonargli il tradimento della mozione di sfiducia al premier Giuseppe Conte. “Ancora meglio il risparmio di due miliardi di euro grazie alla politica seria e coraggiosa dei porti chiusi, che qualcuno in queste ore vorrebbe cancellare tornando agli sbarchi di massa gestiti dalle Ong. Ma io non mollo, statene certi. Vi voglio bene”, ha poi aggiunto. Giusto per dimostrare che non è cambiato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA