I tamponi rapidi non funzionano più. Serve una nuova strategia contro Omicron. Il consulente di Figliuolo avverte: “I numeri saranno spaventosamente veloci e alti”

tamponi Rasi Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se fossimo già in ambiente completamente Omicron potremmo decidere di prendere provvedimenti sostanzialmente diversi da quelli presi per la Delta. Perché i numeri saranno spaventosamente veloci e spaventosamente alti. Quindi un’onda d’urto che va gestita in maniera un po’ diversa”. È quanto ha detto ad Agorà l’ex direttore dell’Ema e consulente del commissario straordinario Figliuolo, Guido Rasi.

“Gli scenari – spiega Rasi – sono tutti possibili. Quello che è reale è che questi numeri, 200 mila ieri, sono destinati a salire ancora e sono ampiamente sottostimati per il problema della bassa resa dei test antigenici che erano stati fatti per altri tipi di varianti e che con la Omicron mostrano tutta la loro debolezza”.

“Se si prevede l’arrivo di nuovi test antigenici per la variante Omicron? Che io sappia no. L’unica soluzione per ora è il molecolare. Oggettivamente non è stato fatto un piano di rinforzo come era facile intuire sarebbe servito”, ha aggiunto l’ex direttore dell’Ema.

Sull’obbligo vaccinale per gli over 50, Rasi ha commentato: “Se è un obbligo mi sembra più di compromesso politico che di numeri epidemiologici. L’obbligo si fa o non si fa, a questo punto. Tra un 49enne e 6 mesi e un 50enne non ho capito come il virus discrimini”.

Sulla scuola, il consulente del Commissario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo ha poi aggiunto: “Parlo a titolo assolutamente personale: per me due settimane di Dad sarebbero molto importanti, perché se oggi siamo a 200mila casi, per lo più sottostimati, immaginiamo tra una settimana cosa vedremo”. Per Radi è solo questione di tempo e rimandare è inutile: “Se non facciamo due settimane adesso poi dovremo fare una cosa frammentata nei prossimi tre mesi”.

Leggi anche: L’incidenza continua ad aumentare. Siamo a 1.669 contagi ogni 100.000 abitanti. In forte aumento anche l’Rt. Dieci le regioni ad alto rischio.