Tavecchio salva l’amico Lotito, il vero regista della sua elezione al vertice del calcio italiano. La Figc blocca la querela di Marotta al presidente della Lazio che lo aveva offeso duramente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Graziato Claudio Lotito. Il presidente della Lazio aveva offeso l’ad della Juventus, Beppe Marotta, con pesanti battute personali: “Con un occhio gioca a biliardo, con l’altro mette i punti”. Nessuna punizione dalla Figc di Carlo Tavecchio, presidente tanto “amico” di Lotito che si è battuto per la sua elezione. Una scelto non certo gradita alla Juventus quella di Tavecchio. Dopo il silenzio di due mesi è arrivata la risposta della Figc: “Non possiamo concedere l’autorizzazione ad adire le vie legali perché è già intervenuta la giustizia sportiva”. Serviva infatti l’autorizzazione della federazione a Marotta per evitare di violare la clausola compromissoria e rischiare quindi sanzioni. Autorizzazione che non è arrivata, come neanche le scuse di Lotito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA