Vasco e Jovanotti, fuga dalla tv. I big non amano i teleconcerti. Pubblico troppo over. Fanno grandi ascolti solo il Volo, Al Bano e Romina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I giovani sono fuggiti dalla tv. Ma si sta facendo veramente poco per recuperarli. Oltre a una programmazione che continua a strizzare l’occhiolino più agli over che agli under, gran parte delle colpe ce l’ha pure l’Auditel, che pretende – come requisito per ricevere le fatidiche macchinette rilevatrici di ascolti – diverse ore davanti alla tv. Quindi nelle percentuali di share che vengono diffuse l’influenza delle casalinghe e dei pensionati assume vaste proporzioni. Chissà questa conclusione quanto possa far piacere agli inserzionisti pubblicitari. Qualche esempio? Basta mandare in tv un concerto di Al Bano e Romina o del Volo (i giovani più amati dai nonni) per fare grandi ascolti. Se sulla stessa rete e alla medesima ora vanno in onda Jovanotti o Vasco Rossi invece gli ascolti sono tiepidi. Eppure Al Bano, Romina e il Volo vendono dischi con il contagocce mentre gli altri due spopolano. Qualcosa dunque non torna. Anche Edoardo Bennato su Raitre giovedì sera non è andato bene (3%), eppure il suo concerto all’Expo era buono. Tra l’altro si è rivisto con piacere Red Ronnie su un canale Rai. Purtroppo l’evento non è stato pubblicizzato a dovere dalla rete, forse perché i soldi ce li ha messi Farinetti e non Viale Mazzini. Un buon banco di prova sarà il concerto di Morandi e Baglioni che andrà su Raiuno. Ma Morandi è over, quindi gli ascolti dovrebbero essere garantiti.

IL RITORNO DEI NEGRAMARO
Sulle radio il discorso è totalmente diverso. La musica spopola e i giovani la ascoltano. In questi giorni sono tornati in auge – e quindi in testa alla classifica dei brani più passati – i Negramaro con Attenta. La band dopo vari conflitti interni ha ripreso a navigare la rotta del successo. Per lungo tempo il gruppo salentino di Giuliano Sangiorgi era stato messo in soffitta per non fare ombra all’altra band che andava lanciata in orbita, i Modà di Kekko Silvestre, tanto cari a Rtl, il network colossal della radiofonia italiana. Ora le radio hanno ripreso a spingere i Negramaro e, guarda caso, la band ha risalito la corrente. Morale della favola: la musica può riportare i giovani davanti alla tv. Non bastano Sanremo e i talent musicali, ci vuole più coraggio. L’esempio di YouTube va seguito. Aridateci Mister Fantasy, Discoring e Piccolo Slam.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA