Terrorismo a casa nostra. Bilel voleva colpire Pisa. Fermato tunisino che inneggiava all’Isis. Ieri notte aveva scritto: “sarò martire”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bilel Chihaoui, tunisino di 26 anni, è stato arrestato. Secondo l’intelligence avrebbe voluto colpire Pisa. Piazza dei Miracoli, la Torre pendente, o forse l’aeroporto. Bilel in realtà non era sconosciuto alle forze dell’ordine. Gli investigatori lo conoscevano già come spacciatore, ma da tempo finito nel mirino degli specialisti dell’antiterrorismo del Ros dei carabinieri che lo seguivano passo passo.

E non a caso, sul web, il giovane da settimane inneggiava all’Isis e parlava di attentati da compiere nel capoluogo toscano di cui aveva postato alcune foto. Non solo. Proprio ieri aveva pubblicato un messaggio inquietante su Facebook nel quale annunciava il suo martirio, insieme a una lunga lista di terroristi dello Stato islamico che aveano già compiuto attentati. In fondo all’elenco c’era il suo nome.

L’allarme è scattato quando Chihaoui da Torino è arrivato a Pisa. Nel giro di 8 ore le forze dell’ordine, grazie al lavoro del Ros di Torino e dei carabinieri del nucleo investigativo e informativo della città toscana, lo hanno bloccato rintracciandolo in un’area boschiva dove si era rifugiato.

Gli inquirenti hanno chiesto al ministro dell’Interno Angelino Alfano un immediato decreto di allontanamento dal territorio nazionale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA