Terroristi all’attacco in Somalia. Gli Al-Shabaab attaccano l’hotel Dayah dei politici di Mogadiscio, ci sono decine di vittime

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli Al-Shabaab tornano all’attacco nel cuore della Somalia: l’attentato delle ultime ore ha colpito l’hote Dayah di Mogadiscio, solitamente frequentato da politici e imprenditori del posto. Il primo bilancio parla di almeno 14 morti e 20 feriti, ma le forze di polizia non hanno ancora ripreso il controllo dell’albergo. Il conteggio potrebbe quindi aggiornarsi.

L’offensiva è iniziata con l’esplosione di un camion all’ingresso della struttura: subito dopo alcuni miliziani del gruppo, affiliato ad Al Qaeda, sono entrati nelle stanze aprendo il fuoco sugli ospiti. Non è la prima volta che gli Shabaab (traducibile con La Gioventù) realizzano attentati del genere: a luglio del 2015 15 persone sono state uccise in un attacco simile al Jazeera Palace, mentre nel giugno 2016 sono stati colpiti prima l’Ambassador e poi il Naso-Hablod, provocando 40 vittime. L’organizzazione islamista, che non è però legata all’Isis (pur condividendone molti principi) ed è guidata da Ahmed Omar , sta reagendo così alla controffensiva coordinata dalle truppe dell’Unione africana, che stanno aiutando l’esercito della Somalia ad affrontare la minaccia jihadista.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA