Volano le terze dosi, ma non le prime. Toccato il record delle 160 mila somministrazioni in un giorno. Entro fine anno in arrivo 8,6 milioni di vaccini mRNA

Il 18 novembre, ha fatto sapere il generale Figliuolo, si è registrato il picco di terze dosi, con circa 160 mila somministrazioni a livello nazionale.

Il 18 novembre si è registrato il picco di terze dosi, con circa 160 mila somministrazioni a livello nazionale. Lo rende noto il Commissario per l’Emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, spiegando che la campagna vaccinale (qui il report) “prosegue positivamente e potrà contare entro fine anno su ulteriori 8,6 milioni di dosi di vaccini mRNA”.

NAPOLI, NUOVO HUB VACCINALE AL MUSEO MADRE

In particolare, fa sapere ancora Figliuolo, è prevista la distribuzione alle Regioni/Province autonome di 4 milioni di dosi Pfizer – che verranno consegnate direttamente alle strutture designate – e di 4,6 milioni di Moderna, che saranno prima accentrate presso l’hub vaccini Difesa di Pratica di Mare e successivamente consegnate a destinazione.

“A tali quantitativi – riferisce ancora il Commissario – si potranno aggiungere altri 2,5 milioni di dosi di vaccini mRNA della riserva centralizzata. Ad oggi le dosi complessivamente distribuite dall’inizio della campagna vaccinale ammontano a 99.903.628, a fronte di un numero totale di somministrazioni pari a 92.911.485”.

Secondo l’ultimo report sono 45.601.895 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale in Italia. Questi, nel dettaglio, i numeri dei vaccinati nelle varie fasce d’eta: 4.285.559 (93,81%) over 80, 5.523.864 (91,77%) tra i 70 e i 79 anni, 6.735.197 (89,17%) tra i 60-69enni, 8.224.953 (85,23%) tra i 50 e i 59 anni, 7.097.555 (80,81%) tra i 40-49enni, 5.448.585 (80,19%) tra i 30 e i 39 anni, 5.090.509 (84,65%) tra i 20 e i 29 anni e 3.195.673 (69,06%) tra i 12 e i 19 anni. Nell’ultima settimana sono state somministrate poco meno di 130mila dosi, circa 18.500 al giorno.

Leggi anche: Il monitoraggio settimanale dell’Iss: l’incidenza continua ad aumentare. Ora è a 98 casi ogni 100mila abitanti. L’indice Rt stabile all’1,21%. Tutte le regioni a rischio moderato.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 15:11
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram