Torna il caos in Ucraina. I nazionalisti vanno all’assalto del Parlamento: un morto e oltre cento feriti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un voto a favore di un progetto di legge che concede maggior autonomia all’est ribelle (approvazione in prima lettura) e pro Russia scatena l’inferno a Kiev. Sono 265 i deputati che hanno votato a favore contro un minimo richiesto di 226. Durissima la protesta dei nazionalisti che hanno dato l’assalto al Parlamento. Un morto e oltre 120 feriti negli scontri scoppiati tra poliziotti e manifestanti.  Almeno 90 membri della Guardia nazionale ucraina sono rimasti feriti in questi scontri con i nazionalisti, appartenenti per lo più al partito di estrema destra Svoboda. La vittima è un agente di 25 anni morto in ospedale dopo essere stato colpito al petto da un proiettile. Il titolare del ministero dell’Interno ha accusato i membri di Svoboda di aver lanciato “svariati congegni esplosivi” sulle forze dell’ordine. Un ordigno partito dalla folla è finito all’ingresso principale della Rada, il Parlamento di Kiev, facendo una ventina di feriti, quasi tutti membri delle forze dell’ordine.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA