Trasporti pubblici in sciopero, sarà un venerdì nero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Milano. Il 22 marzo sarà un venerdì nero per il trasporto pubblico  locale. I sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl Trasporti hanno indetto uno stop nazionale di 24 ore per protestare contro l’incertezza circa lo stanziamento di risorse finanziarie del settore e la stasi della vertenza contrattuale.
Lo sciopero avrà luogo a partire dalle 8.45 del mattino fino alle quindici e riprenderà alle 18.00 per poi protrarsi fino al termine del servizio. L’Area C a traffico limitato sarà aperta al traffico per agevolare la circolazione, mentre il divieto di accesso all’interno della Ztl della Cerchia dei Bastioni per i veicoli di lunghezza superiore a 7,5 metri rimarrà in vigore.
Anche il trasporto ferroviario subirà delle interruzioni: le linee gestite da Trenitalia avranno un traffico regolare, mentre potranno funzionare a singhiozzo le le linee suburbane S1, S2, S9 e S13, come le ferrovie Trenord e le Ferrovie Nord.
Per garantire i collegamenti con l’aeroporto saranno effettuate corse di autobus sostitutive del servizio Malpensa Express.
Ulteriori disagi colpiranno chi viaggia in aereo: sciopereranno infatti per quattro ore gli assistenti di volo Alitalia Cai e il personale navigante, piloti e comandanti Alitalia Cityliner.