I casi di trombosi nei vaccinati over 60 con AstraZeneca in Francia

vaccino astrazeneca stop richiami
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci sono soggetti “più anziani”, con età media di 62 anni, tra i nove casi di trombosi anomala e due di problemi di coagulazione associati al vaccino AstraZeneca in Francia. Con 4 decessi, tra il 2 e l’8 aprile. Questi i dati diffusi dall’agenzia francese del farmaco (Ansm) e riportati da ‘Le Parisien’.

I casi di trombosi nei vaccinati over 60 con AstraZeneca in Francia

Dall’inizio delle vaccinazioni contro il coronavirus, in Francia sono stati segnalati “23 casi” di trombosi o di problemi di coagulazione e “8 decessi” su 2.725.000 dosi somministrate all’8 aprile. Gli ultimi 9 casi riguardano soggetti che presentano “un profilo differente” rispetto a quello di persone individuate in precedenza. L’età dei pazienti “è più alta. Si tratta di 4 donne e 5 uomini più anziani (età media 62 anni)”. Che hanno presentato sintomi riconducibili a trombosi addominale.

“I nuovi elementi saranno condivisi con l’Ema”, l’agenzia europea del farmaco, “nell’ambito della valutazione europea”. In Francia, “il bilancio precedente faceva riferimento a 12 casi di trombosi” successivi alla vaccinazione “e a 4 decessi”. Dal 19 marzo il vaccino AstraZeneca non viene più somministrato a soggetti di età inferiore a 55 anni. Per gli under 55 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca, sottolinea Le Parisien, si raccomanda una seconda dose di Pfizer o Moderna.

Gli eventi avversi ai vaccini più comuni nelle donne

Intanto uno dei primi studi al riguardo, pubblicato a febbraio su ‘Jama Insights’ sui vaccini a mRna Pfizer/BioNTech e Moderna, censiva le segnalazioni di questi eventi negli Stati Uniti dal 14 dicembre al 18 gennaio. E spiccava un dato. Su 47 anafilassi segnalate post Pfizer (tasso di segnalazione di 4,7 casi per milione di dosi somministrate) 44 – cioè il 94% – si erano verificate su donne; 19 eventi di questo tipo segnalati post Moderna (tasso di segnalazione di 2,5 casi per milione di dosi somministrate), 100% donne. Poi sotto i riflettori sono finite le trombosi rare associate a bassi livelli di piastrine, segnalate dopo vaccinazione con AstraZeneca.

L’Agenzia europea del farmaco Ema, nel riportare il 7 aprile in una nota l’esito delle valutazioni del comitato per la farmacovigilanza Prac, parlava di “maggior parte dei casi segnalati in donne di età inferiore a 60 anni entro 2 settimane dalla vaccinazione”. Pur ammettendo di non poter identificare con certezza al momento un fattore di rischio nell’età e nel sesso. A seguire, dagli Usa sono arrivati i dati sulle trombosi rare segnalate post vaccino J&J: 6 casi (su quasi 7 mln di vaccinazioni) tutti su donne fra 18 e 48 anni.

Leggi anche: La Reuters scrive che Draghi è in ritardo sul Recovery Plan. E rischia di “bucare” la scadenza del 30 aprile. Ma i giornali italiani non se ne accorgono

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA