Trovato l’accordo su Bilancio Ue e Recovery Fund. Castaldo: “Grazie alla clausola voluta dal Governo Conte i fondi verranno erogati già nel 2021”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via libera in Europa al pacchetto economico che prevede al suo interno il Bilancio Ue e il Recovery Fund. E’ stato raggiunto infatti l’accordo tra il Parlamento europeo e il Consiglio sulle misure che prevedono anche aiuti importanti per reagire alla crisi causata dal Covid. Si tratta di un accordo politico preliminare e che riguarda il periodo dal 2021 al 2027. A rendere nota in un tweet l’intesa Sebastian Fischer, portavoce della presidenza di turno tedesca del Consiglio Ue. “I negoziatori del Consiglio e del Parlamento europeo raggiungono un accordo politico sul budget Ue e Recovery fund. Elementi principali: rinforzo mirato dei programmi nel rispetto degli accordi. Adesso è necessario dare l’approvazione finale”.

“L’accordo sul pacchetto economico che comprende il Bilancio europeo 2021-2027 e il Recovery fund – commenta in una nota l’europarlamentare M5S e Vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo – è una buona notizia per i cittadini, le famiglie e le imprese. Per la prima volta nella storia europea il bilancio verrà finanziato tramite emissione di debito comune, con una condivisone del rischio tra gli Stati europei, e la raccolta di questi fondi serviranno a finanziare la ripartenza economica anche nel nostro Paese. Grazie a una clausola, voluta dal governo Conte e confermata durante i negoziati, questi fondi verranno anticipati ed erogati già nel 2021″.

“Ringraziamo i negoziatori del Parlamento europeo e quelli del Consiglio per il lavoro svolto – aggiunge l’esponente M5S -, sempre costruttivo, e la Presidenza di turno tedesca aver aver modificato la proposta iniziale venendo incontro alle richieste più che legittime del Parlamento europeo di aumentare la dotazione per i programmi Horizon, Erasmus, InvestEU e la gestione delle frontiere. Vengono stanziati inoltre 3,4 miliardi in più rispetto alla prima bozza per la sanità. Questo non è l’accordo che sognavamo, ma è un buon accordo per l’Italia e l’Unione europea soprattutto perché contiene una chiara road map sulle risorse proprie, premessa essenziale per evitare un aumento dei contributi nazionali al bilancio europeo in piena crisi economica”.