Trump ignora la maxi protesta delle donne a Washington. Perché queste persone non hanno votato?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Donald Trump prova a far finta di niente. Ma è impossibile non aver notato la marea umana scesa ieri per le strade, 500mila a Washington e 2,5 milioni in tutto il mondo, a protestare contro di lui. Un Paese spaccato, gli Stati Uniti, che non sembra spaventare il tycoon di New York: “Ho visto le proteste ieri, ma se non sbaglio abbiamo appena avuto un’elezione”!”, ha scritto su Twitter The Donald, “Perché queste persone non hanno votato? Le celebrità fanno male alla causa”. Tanto da portare poi Trump ad esultare per gli ascolti televisivi del suo insediamento alla Casa Bianca: “Wow, i dati sugli ascolti televisivi sono appena usciti: 31 milioni di persone hanno visto l’inaugurazione, 11 milioni in più rispetto ai buoni ascolti di 4 anni fa!”.

 

Intanto gli organizzatori del Womens March confermano che i partecipanti alla marcia di ieri sono stati 2,5 milioni in tutto il mondo. “La marcia delle donne”, ma non c’erano soltanto loro per le strade in una mobilitazione lanciata attraverso Facebook e diventata un evento storico. Una protesta “contro un presidente che non ci rappresenta”. Una marea inaspettata, a Washington si attendevano 200mila partecipanti, che ha costretto gli organizzatori a cambiare il percorso. A spingere la manifestazione anche alcuni personaggi famosi, tra cui la cantante Madonna che in televisione ha lanciato un durissimo attacco a Trump: “La rivoluzione parte da qui, non abbiamo paura”. La cantante è stata stoppata nel corso del suo accalorato intervento televisivo per aver utilizzato anche alcune parolacce.